mercoledì 03 settembre 2014 | 04:06

Sanità

Vibo, Medici firmava a nome di collega
denunciati entrambi per truffa allo Stato

Un medico convenzionato con l'Asp di Vibo Valentia firmava delle ricette a un collega non convenzionato che riceveva i pazienti privatamente, in questo modo quest'ultimo poteva prescrivere esami e medicinali a carico del servizio sanitario nazionale senza averne titolo
Vibo, Medici firmava a nome di collega
denunciati entrambi per truffa allo Stato

La sede Asp di VIbo Valentia

VIBO VALENTIA (VV) - Due medici sono stati denunciati dai Carabinieri della Compagnia di Vibo Valentia con le i accuse di falsità commessa dal pubblico ufficiale in atto pubblico, sostituzione di persona e truffa ai danni dello Stato. La vicenda è nata da una segnalazione della Direzione Sanitaria dell’ASP di Vibo Valentia che aveva comunicato agli uomini della Stazione Carabinieri del capoluogo una serie di lamentele circa alcune dubbie prestazioni sanitarie da parte di un noto medico. Secondo la denuncia, il medico di base convenzionato con l’ASP firmava delle ricette ad un proprio collega non convenzionato che riceveva i propri pazienti in uno studio sito a pochi passi dal centro cittadino. In questo modo non solo il medico non convenzionato visitava i propri pazienti facendoli figurare come pazienti del collega ma, grazie alle ricette firmate, poteva prescrivere esami e medicine a carico del servizio sanitario nazionale senza averne alcun titolo e provocando un grave danno alle casse dell’erario. Per giorni i Carabinieri hanno osservato i movimenti nello studio medico incriminato ed hanno constatato come effettivamente il via vai di malati era continuo ma questi, invece di andare nello studio medico convenzionato, si recavano a pochi passi di distanza in quello non convenzionato, uscendone però sempre muniti della prevista ricetta «rossa» rilasciata dai sanitari accreditati all’ASP. I due medici, non solo visitavano un numero elevatissimo di malati ma erano anche in grado di avere notevole tempo libero. I i militari sono entrati in azione sorprendendo il medico non convenzionato intento a svolgere le proprie quotidiane visite nello studio non autorizzato. Come se non bastasse i Carabinieri hanno anche trovato e sequestrato ben 18 ricette rosse già firmate dal medico convenzionato e non ancora recanti gli esami ed i medicinali prescritti. Pochi minuti dopo la loro irruzione i Carabinieri sono anche stati raggiunti dal legittimo titolare del ricettario sequestrato che ha tentato di giustificare la propria assenza asserendo di essersi allontanato solo un momento per correre in bagno. I due professionisti non solo dovranno rispondere del danno arrecato all’erario e degli altri reati contestatigli davanti al Tribunale del capoluogo, ma dovranno anche giustificare la propria condotta davanti ai competenti uffici dell’ASP. 

venerdì 18 maggio 2012 17:08

1

19/05/2012 08:35

Postato da lellocalabria

Però di questi truffatori bisognerebbe mettere nome e cognome come si fà per un pò per tutti. Sicuramente saranno intrallazzati in politica, amici di qualcuno che conta, e al massimo rischiamo un semplice buffetto. Bisogna invece sanzionare in modo incisivo sia chi truffa, sia chi si rende complice della truffa.

2

E l'Ordine dei medici?

18/05/2012 17:25

Postato da giancarlo201

Oltre alle azioni penali che verranno portate avanti dalla Magistratura,si dovrebbe attivare anche l'Ordine dei medici per valutare l'aspetto deontologico della vicenda e se le accuse risultassero provate,punire severamente i due dottori.

I blog di Il Quotidiano

MitaBorgogno
La cornacchia

di Mita Borgogno

Una lettera dalla Nuova Zelanda

 
DomenicoTalia
Serendipity

di Domenico Talia

Il Vice-Cancelliere è umano

 
BrunoGemelli
Miele&Fiele

di Bruno Gemelli

Sangue di gallina

 
FrancescoMollo
Mollo tutto

di Francesco Mollo

Quella saudade della domenica sera...

 
 Aceto & Gangi
SOS Mamme

di Aceto & Gangi

Il pesciolino rosso bollito

 
Padre RoccoBenvenuto
Santu nostru

di Padre Rocco Benvenuto

Chicago si mobilita nel nome di Francesco

 
FabioCuzzola
Zero in condotta

di Fabio Cuzzola

Leonida, Enea e gli unici scudi che conosciamo.

 
MaurizioZavaglia
Out of Calabria

di Maurizio Zavaglia

Il gelato australiano viene prodotto da calabresi