mercoledì 27 agosto 2014 | 14:51

Criminalità

Svolta nel delitto di Alessandria: fermato vibonese
Avrebbe ucciso Belsito e lasciato il corpo nell'auto

Sarebbe stato un altro vibonese, originario di Tropea, l'autore dell'omicidio di Franco Domenico Belsito il cui cadavere è stato trovato nel portabagagli della sua auto a Lu Monferrato in provincia di Alessandria. Il presunto killer è titolare di una impresa di recupero di materiale ferroso
Svolta nel delitto di Alessandria: fermato vibonese
Avrebbe ucciso Belsito e lasciato il corpo nell'auto

L'auto nella quale è stato trovato il cadavere

ALESSANDRIA - Un uomo di 33 anni, Alessandro Loiacono, residente a Tortona (Alessandria) ma nativo di Tropea (Vibo Valentia), è stato fermato dai carabinieri per l’omicidio di Franco Domenico Belsito, 52 anni, imprenditore anch'egli originario del Vibonese, in particolare di San'Onofrio, l’uomo trovato morto, giovedì sera, (LEGGI LA NOTIZIA) nel bagagliaio della sua auto in piazza a Lu Monferrato. L'uomo fermato dai militari dell'Arma è titolare di una società di recupero di materiale ferroso, non ancora operativa. Secondo quanto si è appreso Loiacono sarebbe indagato per omicidio volontario e occultamento di cadavere. I militari, allo stato delle indagini, escludono collegamenti con la criminalità organizzata.
UN DISSIDIO PER RAGIONI ECONOMICHE - Secondo una prima ricostruzione dell'accaduto l'uomo sarebbe stato ucciso durante un litigio scoppiato forse per motivi economici. La causa sarebbe un debito in denaro che la vittima non sarebbe riuscito a saldare. L’imprenditore sarebbe stato ucciso a colpi di bastone e successivamente rinchiuso nel bagagliaio della sua auto dove, dopo una telefonata giunta verso le 22.30 di giovedì 28 novembre al 112, è stato trovato il cadavere. 
Loiacono era stato tra i primi ad essere portato in caserma poichè era ritenuto "molto amico" della vittima. Nel corso dell’interrogatorio è caduto in alcune contraddizioni ed ha fornito alcuni elementi non corrispondenti a quelli di altri testimoni e alle immagini riprese dal circuito video del Comune di Lu Monferrato.
IL GIALLO DEL TESORIERE DELLA LEGA - Gli investigatori escludono anche, almeno per il momento, un collegamento con l’omonimo Belsito, ex tesoriere della Lega Nord e anch'egli originario della Calabria. Resta però il giallo. Oltre all'omonimia tra i due (Francesco l'uomo della Lega, Franco Domenico la vittima del delitto) ci sarebbe, secondo quanto riferisce la Stampa, la visura camerale della società «Aurora», con sede in via Gaggio 2 a Lugano, in origine intestata a Giovanni Russoe successivamente, nei primissimi giorni di marzo 2011, rilevata proprio da Franco Domenico Belsito, che ne era diventato gerente, con firma individuale. Gli investigatori che indagano sul «tesoretto» della Lega Nord ritengono che Francesco Belsito abbia potuto trovare comodo utilizzare Franco Domenico come prestanome, approfitando della prossimità dei nomi. Franco Domenico Belsito rimase titolare della società svizzerafino alle fine di marzo 2012, poi la ditta fu fatta fallire, poco prima che si scatenasse la bufera giudiziaria sulla Lega.

sabato 30 novembre 2013 14:23

I blog di Il Quotidiano

DomenicoTalia
Serendipity

di Domenico Talia

Il Vice-Cancelliere è umano

 
BrunoGemelli
Miele&Fiele

di Bruno Gemelli

Sangue di gallina

 
MitaBorgogno
La cornacchia

di Mita Borgogno

Amore è un lieto fine (forse)

 
FrancescoMollo
Mollo tutto

di Francesco Mollo

Quella saudade della domenica sera...

 
 Aceto & Gangi
SOS Mamme

di Aceto & Gangi

Il pesciolino rosso bollito

 
Padre RoccoBenvenuto
Santu nostru

di Padre Rocco Benvenuto

Chicago si mobilita nel nome di Francesco

 
FabioCuzzola
Zero in condotta

di Fabio Cuzzola

Leonida, Enea e gli unici scudi che conosciamo.

 
MaurizioZavaglia
Out of Calabria

di Maurizio Zavaglia

Il gelato australiano viene prodotto da calabresi

 

Il Quotidiano Foto